In un museo, sott'acqua o allo zoo: soggiorni indimenticabili
di Francesca Spanò
Mete originali, percorsi adrenalinici ai confini del mondo o rilassanti ore trascorse su una spiaggia tropicale. Uno dei modi migliori per conoscere una persona, è scoprire come viaggia. E non importa nemmeno che parta da sola o in compagnia. Il tipo di soggiorno e le attrazioni che preferisce, riveleranno moltissimo della sua personalità. Ogni viaggiatore è unico e questo è vero, eppure ci sono esperienze che accomunano molti turisti del fai da te.
 

E se l’hotel per tanti, in vacanza, ha relativo peso per qualcuno, invece, deve essere non convenzionale. Ecco le proposte più strane (selezionate da Lonely Planet nella sua Best in Travel 2016), per vivere una notte sicuramente da non dimenticare:
  • Dormire con i dinosauri al Natural History Museum di Londra: aspettare l’alba tra gli scheletri di questa temibile e gigantesca creatura? Qui è possibile, ma l’evento è riservato ai bambini e include una visita con la luce delle torce ed una lezione interattiva. E gli adulti? Possono provare anche loro, contando su una cena di tre portate, dimostrazioni scientifiche, una degustazione di insetti commestibili e una maratona notturna di film sui mostri. E, infine, dormire nella Hintze Hall, per chi riesce a chiudere occhio.
  • Riposare in una camera sott’acqua, al Manta Resort, Zanzibar: non è l’unico esempio di questo tipo nel mondo, ma si tratta di sicuro di uno dei più spettacolari. La struttura è in legno a 250 metri da una spiaggia di sabbia bianchissima. Ha tre livelli e ci si può tuffare pure dal tetto, prima di chiudere gli occhi circondati da pesci tropicali.
  • Propeller Island Berlino, Germania: si tratta dello pseudonimo usato dall’artista tedesco Lars Stroschen e nel lodge si può riposare, si fa per dire, pure dentro ad una bara o in un letto sospeso. Ancora, c’è la cella con le pareti imbottite e il letto matrimoniale che si divide in due, abbassando una barriera luminosa.
  • E poi c’è il classico sogno dei romantici: avere a disposizione un’intera isola deserta. In questo caso, il posto giusto è French Louie Caye di ben 8.000 mq, area sabbiosa non lontano al Belize. Tra spiagge coralline e un ecosistema ricco dove non mancano le mangrovie, il paradiso è servito.
  • A House for Essex, Regno Unito: dal 2015, esiste questo edificio creato dall’artista Grayson Perry. Sembra quasi una cappella ed all’interno le decorazioni è come se appartenessero ad una donna chiamata Julie. In pratica varcata la soglia, è come entrare in diretto contatto con un’opera d’arte.
  • Roar & Snore al Taronga Zoo, Sidney: non è l’unica possibilità al mondo per dormire dentro un parco carico di animali. In questo caso, però, si può optare per un vero letto in un lussuoso campo tendato con pavimento in legno e vista sulla Sydney Opera House, sulla città e sul Sydney Harbour Bridge.
  • Iglu-Dorf, Zermatt, Svizzera: il villaggio di igloo, ogni anno, inizia ad essere realizzato a novembre. Si trova a quota 2700 metri con vista sul Cervino e ne offre diverse tipologie, a seconda delle esigenze.
 
DIVENTA FAN DI LEGGO
In un museo, sott'acqua o allo zoo: soggiorni indimenticabili
Planisfero
Fotogallery