Voli low cost, martedì e mercoledì i giorni migliori per prenotare
di Laura Bolasco
Viaggiare si sa, piace a tutti. E viaggiare spesso, per lavoro o per piacere, con l’avvento delle note compagnie aeree low cost, è diventato sempre meno costoso. Ma se effettuare l’acquisto di biglietti aerei online è un gioco da ragazzi, certamente non è con la stessa semplicità che si affronta quello che, in teoria, dovrebbe essere un banale volo di qualche ora, ma che a volte può trasformarsi in un susseguirsi di antipatiche e spiacevoli situazioni.
Come evitare i disagi e godersi il viaggio già dal momento della prenotazione? Facile: basta seguire alcuni semplici suggerimenti ed avere qualche piccola accortezza in più.

Innanzitutto, quando si prenota un volo low cost, bisogna sempre ricordare quello che spesso molti, una volta conclusa la pratica di acquisto del biglietto, dimenticano: il rapporto qualità-prezzo. Tenere sempre a mente quanto avete pagato il viaggio vi conforterà nell’affrontarlo. Bando alle lamentele dunque, e avanti con la furbizia.

Se a malapena sopportate l’idea di un trattamento low cost, impegnatevi nel risparmiare il più possibile sulla spesa. I giorni ideali per comprare i biglietti sono in genere il martedì e il mercoledì: le compagnie aeree rimettono in vendita i biglietti rimasti invenduti durante il fine settimana.
Viaggiare durante il weekend è sicuramente più costoso che viaggiare in settimana. Una soluzione potrebbe essere partire il venerdì sera con volo di ritorno il lunedì mattina. Perché oltre una necessaria lungimiranza, una caratteristica fondamentale del frequentatore seriale di voli low cost è senza dubbio la flessibilità.

Nella fase di prenotazione è buona consuetudine consultare i motori di ricerca di voli per trovare i biglietti meno cari, ma per risparmiare ulteriormente è consigliabile acquistare i biglietti direttamente sui siti delle singole compagnie: abbatterete quelli che un tempo erano i cosiddetti “costi di agenzia”.

Un buon viaggiatore sa rispettare le regole. E se le regole impongono un bagaglio microscopico, ci si deve sottostare. Meglio un borsone morbido, più comodo e leggero di un rigido trolley: difficilmente supererà il limite di peso e sarà più semplice da inserire in cappelliera una volta in cabina.

Ricordarsi di evitare tutti quegli oggetti che è vietato portare nel bagaglio a mano (accendini, forbici, lamette e qualsiasi tipo di liquido che superi i 100 ml). Non è piacevole scontrarsi con le procedure di esaminazione della valigia rallentando così il processo di controllo per gli altri e per se stessi, specie nel caso in cui si fosse già in forte ritardo.

Mettersi in fila per salire sull’aereo è un buon suggerimento: spesso, oltre a quelli che non rispettano le dimensioni prescritte, sono proprio i bagagli in eccesso che non trovano posto in cabina ad essere imbarcati. E sì, possono imbarcare il vostro bagaglio nonostante si attenga al formato indicato sul sito; non costringete la hostess a indicarvi la clausola scritta sulla carta d’imbarco.
La fila la fate per voi e la vostra valigia: se non volete dover aspettare al ritiro bagagli una volta a destinazione armatevi di pazienza e della solita furbizia.

Volate low cost? Dimenticate gli extra. E’ consigliabile munirsi di cibo e snack, libri e giornali già da casa e acquistare acqua e bevande presso il duty free in aeroporto una volta superati i controlli di sicurezza.


E se deciderete di fare dei voli low cost uno stile di vita preparatevi a scatenare la vostra più fervida creatività: indossare tre maglioni e annodarne un altro paio in vita per evitare il sovrapprezzo nel bagaglio sul volo da Londra dopo un weekend di shopping, diventerà solo una delle tante, nuove, astute abitudini.
DIVENTA FAN DI LEGGO
Planisfero
Fotogallery